Mercoledi 05 Agosto 2020
Ricerca nel sito
Home / LA CITTA' (Storia e cultura)
 Sezioni

LA CITTA' (Storia e cultura)

ORGANI ISTITUZIONALI DEL COMUNE (Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale)

ART-BONUS

Adempimenti legge 190_2012

TASSE E TRIBUTI COMUNALI

Uffici e Servizi

Trasparenza, valutazione e merito

Dati contratti pubblici

Statuto e Regolamenti

Privacy

Attività Produttive

Lavoro e Formazione

Sanità e Salute

Studiare a Ferrandina

Turismo

Eventi in città

Ultime notizie

Link Utili
 Albo Pretorio

Albo on-line

Avvertenze

S.U.A. Prov. di Matera - Bandi e gare in corso
 I proverbi
Pagina curata da Maria CARLUCCI.

Molti sono i proverbi e adagi popolari ferrandinesi che racchiudono, in poche eloquenti parole, insegnamenti tratti dall'esperienza: “grande maestra delle umane faccende. Ne riportiamo solo alcuni.


Quando si vuole indicare il modo più conveniente per arrivare facilmente alla meta, si usa l'aforisma:

<<Quann’ mena punent’ carica ligg e va cuntent’>>.


Quando si intende fare omaggio alla pratica piuttosto che alla teoria, si usa dire:

<<Va chiu’ presta da patut’ e non da midichi>>.


Sono di uso comune le massime <<L'uocchio du patrunu ’ngrassa u cavadd’>> e <<Ci vole appizzintì, manni fora e non ci scì>>, quando si vuole sottolineare che gli affari vanno curati personalmente.


Per lodare una cosa a cui manca qualche requisito essenziale, si usa dire: <<La zita e’ bella, ma li manca n’uocchio>>.


Volendo dire che la venalità è un vizio antico e costante della società, si fa uso del proverbio:

<<Sant’ Mangione fascia tridice grazie pi vuccone>>.


Per spiegare quanto sia importante usare un linguaggio preciso e diligente per arrivare lontano, si usa dire:

<<Chi tene legna va ’n Sardegna>>.


Per indicare che la fine di ogni cosa è la più difficile da superare, si usa il detto:

<<A coda è a chiù brutta a scurcià>>.


Per replicare ad una spesa eccessiva e voluttuosa, si usa dire:

<<Chi bella vole pare’, tutta quanta s’adda dulè>>.


Per spiegare che bisogna guardarsi dalle lusinghe dei seduttori, si dice:

<<Quann ’u diavolo t’accarezza tann vole l’alma>>.


Quando, invece, si vuole che l'amicizia con persone oneste sia mantenuta, si usa dire:

<<Tratti chi junu meggh’ di te e fall’ li spese>>.


Per paragonare, nella furbizia e nei vizi, il figlio ai genitori, si dice:

<<Figgh di jatta, surg’ ancappa >>.


Per significare quanto siano inutili le discussioni mentre c'è necessità di fare, si usa il detto:

<<Chiacchiere ‘nanzi furnu, perdenza di pane>>.


Fonte: Salvatore CENTOLA – “FERRANDINA E LE SUE REMOTE ORIGINI ELLENICO-LUCANE” - 1931 - Napoli - tip. Manzoni & De Lucia.

Indietro
23/09/2019
Convocazione Consiglio Comunale in sessione ordinaria (26.09.2019 - ore 17,00)
18/09/2019
Interventi di derattizzazione nel centro abitato
30/08/2019
Convocazione Consiglio Comunale in sessione ordinaria (05.09.2019 - ore 16,30)
 Utilità

AVVISI DI PROTEZIONE CIVILE

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC)

FATTURAZIONE ELETTRONICA

PAGO PA

SUAP

UFFICIO TECNICO: MODULISTICA UNIFICATA

Autocertificazione Guida e modelli

MODULISTICA
LA CITTA' (Storia e cultura) | ORGANI ISTITUZIONALI DEL COMUNE (Sindaco, Giunta e Consiglio Comunale) | ART-BONUS | Adempimenti legge 190_2012 | TASSE E TRIBUTI COMUNALI | Uffici e Servizi | Trasparenza, valutazione e merito | Dati contratti pubblici | Statuto e Regolamenti | Privacy | Attività Produttive | Lavoro e Formazione | Sanità e Salute | Studiare a Ferrandina | Turismo | Eventi in città | Ultime notizie | Link Utili
Comune di Ferrandina©2004 tutti i diritti sono riservati